La RAM del PC perché aumentarla?

La memoria ad accesso casuale (Random Access Memory, abbreviata in RAM) è tra le componenti fondamentali di ogni computer. Detta anche memoria di lavoro, fa da “filtro” tra disco rigido e processore, ospitando i dati relativi ai processi, le istruzioni e i programmi in corso di elaborazione da parte del processore. In questo modo riduce il collo di bottiglia prestazionale esistente tra CPU e hard disk, velocizzando l’esecuzione delle istruzioni e, di conseguenza, il funzionamento del computer stesso.

In caso di computer lento, dunque, una delle prime opzioni da prendere in considerazione è quella di aggiungere RAM al proprio sistema. Un incremento della quantità di memoria di lavoro garantirebbe automaticamente il miglioramento generale delle prestazioni del PC: il sistema operativo avrebbe più spazio a disposizione per allocare i software e le operazioni in attesa di essere eseguite dal processore.

images-memorie-ram

Se vi chiedete come aumentare RAM computer, non preoccupatevi. Anche se molti potrebbero credere che si tratti di un’operazione complicata, sostituire i banchi RAM di un computer desktop è (più o meno) alla portata di tutti. La sostituzione delle RAM richiede un po’ di manualità e capacità nel dosare la forza: sarà sufficiente individuare gli slot sulla scheda madre e fare attenzione a indovinare “il senso“. Prima di tutto, però, sarà fondamentale comprendere quali RAM è possibile scegliere per il proprio computer desktop.

Come scegliere la RAM per il computer

Come spesso accade quando si decide di aggiornare la dotazione hardware del proprio computer, è la scheda madre a determinare la tipologia di componenti che è possibile installare. Nel caso si decidesse di mantenere la propria motherboard, il campo delle possibili scelte sarebbe enormemente limitato: il layout fisico della memoria RAM DDR varia di generazione in generazione, rendendo di fatto impossibile la retrocompatibilità. Così, se la propria scheda madre supporta moduli di memoria DDR2 non sarà possibile acquistare e utilizzare moduli di memoria DDR3 o DDR4. Prima di acquistare dei nuovi banchi di memoria RAM, occorre fare molta attenzione verificando quale tipo di memoria DDR supporti.

images-ram-ddr-1-2-3

Individuata la generazione di memoria del PC, si dovrà decidere quanti moduli e la quantità di memoria di lavoro da acquistare. In questo caso, il fattore che indirizzerà l’acquisto sarà strettamente personale: tutto dipende dal tipo di utilizzo che si vuole fare del computer. Se, ad esempio, si volesse aggiornare il proprio computer desktop e trasformarlo in un computer da gaming, si avrebbe bisogno almeno di 8 gigabyte (se non 12 o 16 gigabyte) di RAM; discorso analogo se si volesse mettere su un computer desktop per computer grafica e fotoritocco: 6 gigabyte di RAM sono il minimo “sindacale” per pensare di dedicarsi a queste attività piuttosto esigenti. Nel caso in cui, invece, si dovesse utilizzare il computer per navigare nel web, vedere qualche film e scrivere dei documenti, anche 4 gigabyte di RAM potrebbero essere più che sufficienti.

Fate attenzione, però. Le cifre sopra riportate non sono valide “per tutte le stagioni”: con il passare del tempo, infatti, i requisiti minimi per far girare sistema operativo e software vari sono destinati a crescere in maniera esponenziale e cambiano di generazione in generazione. Se 4 gigabyte potevano rappresentare un’enormità fino a un paio di anni fa, oggi (come detto) servono a ben poco e potrebbero terminare prima di quanto si creda.

Come cambiare la memoria RAM del PC

Un modulo di memoria RAM è lungo circa 13 centimetri e alto poco più di tre. Da un punto di vista strettamente fisico, le varie generazioni di memoria per PC sono identiche tra loro ad eccezione di un piccolissimo particolare: la scanalatura presente nella parte inferiore del modulo (quella tra i contatti della RAM, per intendersi) è più o meno spostata dal centro a seconda della generazione. Mentre nelle memorie DDR2 la scanalatura è nella metà destra del modulo, con le DDR3 la scanalatura si sposta verso il bordo sinistro sino a raggiungere una posizione piuttosto decentrata (sempre verso sinistra) con le memorie DDR4.

Per aumentare RAM nel PC si dovranno, prima di tutto, individuare gli slot presenti sulla scheda madre. L’operazione, però, è tutt’altro che complessa: gli slot sono degli inserti in plastica dura, lunga e stretta messi in posizione decentrata sulla scheda madre. Per aggiungere RAM al computer desktop si dovrà, prima di tutto, togliere quella già esistente: si dovrà applicare un po’ di forza sui due fermi in plastica posti alle estremità degli slot e spingerli verso il basso.

images-come cambiare-sostitutire una ram

Esercitando pressione a sufficienza, i fermi dovrebbero allargarsi e spingere verso l’alto il modulo della memoria di lavoro: a questo punto sarà sufficiente tirare verso l’alto per sfilarlo dalla sua sede “naturale”. Liberato lo slot, si potrà inserire il nuovo modulo, spingerlo verso il basso e chiudere i fermi in plastica.

Precedente E' possibile proteggere l'account di Google? Successivo Come sincronizzare la rubrica con Gmail