E’ possibile pagare con lo smartphone?

Prima di entrare in ufficio, ci vuole un buon caffè. Mentre si fa una passeggiata in centro, ci scappa sempre un gelato. E se si va al centro commerciale, si sempre un po’ di shopping. Fino a qualche anno fa, per effettuare tali spese – anche piccole – dovevi aprire il portafoglio e pagare con i contanti. Oggi la situazione è completamente cambiata: si può uscire tranquillamente di casa senza monete e banconote, facendo completo affidamento al proprio smartphone. Pagare col cellulare è una pratica sempre più abituale per gli utenti.

L’avanzata degli acquisti da mobile è dovuta anche alla nascita di tante app per pagare in locali, negozi, supermercati e addirittura la corsa del taxi. La tendenza è diffusa anche in Italia dove, circa un milione di consumatori paga abitualmente in negozio o ristorante con lo smartphone, spendendo in media 500 euro l’anno. I dati sono forniti dall’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano che ha constatato la crescita del 650% di tale metodo di pagamento nell’ultimo anno. Se anche tu vuoi iniziare a pagare con lo smartphone, ecco le migliori app per farlo.

Come funziona Satispay

Satispay è una delle app più famose per pagare con lo smartphone. Utilizzarla è molto semplice: bisogna iscriversi, registrare il proprio codice IBAN e associarlo al numero di cellulare in modo da poter effettuare transazioni senza usare la carta di credito o debito, e senza dover affidarsi ad un dispositivo con tecnologia NFC (Near Field Communication), come il tradizionale Pos.

Si tratta di una soluzione ideale per chi vende beni a basso costo, perché la commissione è tanto più ridotta quanto lo è la spesa effettuata. In Italia esistono circa 44mila attività commerciali convenzionate con il servizio, a cui se ne aggiungono circa 100 al giorno. Ma con Satispay è possibile anche effettuare altri tipi di transazione, per esempio è possibile prestare denaro agli amici, pagare le bollette o fare beneficienza. Basta selezionare il destinatario, digitare il codice PIN e il pagamento verrà inviato a chi si desidera. Si tratta di un’app estremamente flessibile e sicura, considerata tra le migliori per liberarsi definitivamente sia di contante che di carta prepagata. Satispay può essere scaricata dal Google Play Store e dall’App Store.

Pagare la metro con smartphone contactless

images-mycicero

Ti capita spesso di dover prendere la metropolitana o i mezzi pubblici ma non avere tempo per acquistare il biglietto? Ormai in tante città del mondo, tra cui Londra, Parigi, ma anche Milano non è obbligatorio fermarsi per acquistarlo. Si può usare lo smartphone per pagare il biglietto. I tornelli hanno di solito dei sistemi di pagamento integrato, che consente di avvicinare il cellulare ed effettuare la transazione. Una volta accettata, il tornello si apre e permette al viaggiatore di raggiungere il binario desiderato. A Roma, per esempio è possibile pagare la metro grazie all’app Mycicero. Questa soluzione permette anche di pagare i parcheggi con le strisce blu e il treno. Mycicero può essere scaricata dal Google Play Store e dall’App Store.

Le app per pagare le tue corse in taxi

Hai un appuntamento di lavoro in una città che non conosci? Esistono diverse soluzioni per prenotare e pagare la corsa in taxi con lo smartphone. Tra le più famose troviamo Tinaba oppure MyTaxi.

Cinque modi per usare Tinaba

Tinaba consente di pagare o condividere la corsa senza commissioni. Sono oltre ottomila i taxi italiani che aderiscono a questo servizio, e sono sparsi tra Roma, Milano, Genova, Firenze e Palermo. L’applicazione è disponibile sul Google Play Store e sull’App Store. Per effettuare il pagamento, occorre inquadrare il QR code presente sul taxi che aderisce all’iniziativa, e inserire la cifra dovuta. Il pagamento è immediato e il tassista riceve subito la notifica. Con Tinaba si può anche condividere la spesa del viaggio, grazie alla funzionalità Conto Condiviso. Inoltre, si può pagare la corsa a distanza, magari perché effettuata da un amico, un figlio, un parente.

Altra applicazione per pagare il taxi con lo smartphone è MyTaxi. Dopo aver scaricato l’applicazione (Google Play Store e App Store), si può prenotare la corsa, selezionando indirizzo e orario di partenza, oltre a pagare il taxi alla fine del viaggio.

Le app per ordinare tutto ciò che vuoi a casa: pizza e non solo

Quante volte ti capita di tornare a casa dopo una giornata di lavoro e trovare il frigo vuoto, ma soprattutto nessuna banconota a disposizione? Se fino a qualche anno fa si era costretti a uscire a fare la spesa, ora è possibile ordinare la cena a domicilio direttamente dallo smartphone. Le app di food delivery mettono a disposizione un numero infinito di possibilità: dal sushi, al panino con l’hamburger fino ad arrivare alla pizza e alla pasta. Le più famose in Italia sono Deliveroo, Just Eat e Foodora.

Just Eat consente di ordinare cibo da ristoranti, pub e pizzerie presenti nella tua zona, a patto che siano convenzionati col servizio. Se non sai quali sono i locali partner del servizio, puoi digitare l’indirizzo di destinazione nell’app e ti indicherà tutti i locali che servono nella tua zona. Non ci sono commissioni, ed è possibile pagare via app oppure in contanti al momento della consegna. Inoltre, si può preordinare il pranzo o la cena e decidere la data e l’orario in cui farsi consegnare il cibo. Le altre applicazioni funzionano in modo molto simile. Il consiglio è quello di testare quale servizio è attivo nella tua zona. Potresti scoprire che il tuo ristorante preferito è affiliato ad un’app invece che ad un’altra. E decidere di conseguenza da chi acquistare.

Precedente Il 14 gennaio 2020 terminerà il supporto per Windows 7, che fare? Successivo Come recuperare la password di windows 10?